Devono rispondere di omicidio. Sono in carcere a Pavia. I carabinieri stanno valutando anche la posizione della fidanzata di uno dei due.

Il provvedimento era nell'aria ma si è concretizzato soltanto dopo le 2 di questa notte: i carabinieri hanno formalizzato l'arresto di Johnny Bianchi 26 anni e del fratello Mike, 31 anni, nomadi sinti residente a Gambolò. Devono rispondere dell'omicidio di Driss Sabiri, 30 anni, marocchino residente a Vigevano, morto ieri pomeriggio in ospedale a qualche ora di distanza dal suo ferimento, avvenuto con un colpo di fucile esploso in pieno petto alle 14 a casa di Mike Bianchi. Alla base di quello che appare un regolamento di conti potrebbe esserci un motivo passionale. Sabiri si era accordato con i fratelli Bianchi per sposare la fidanzata di Mike e ottenere così la cittadinanza italiana. Un matrimonio di facciata, che però potrebbe nascondere una vera relazione tra i due. Da lì la necessità di un chiarimento culminato con l'omicidio. Nel corso della perquisizione avvenuta nella casa dell'omicidio i carabinieri del capitano Rocco Papaleo avrebbero rinvenuto altre armi oltre al fucile che ha sparato e centinaia di munizioni, tutte detenute illegalmente. Al vaglio c'è anche la posizione della fidanzata di Mike Bianchi, una ragazza gambolese di 23 anni: occorre capire se è stata coinvolta suo malgrado nell'accaduto o viceversa ha avuto un ruolo attivo in quella che appare sempre più come una trappola ben organizzata.
Delitto di Gambolò, arrestati i fratelli sinti
Devono rispondere di omicidio. Sono in carcere a Pavia. I carabinieri stanno valutando anche la posizione della fidanzata di uno dei due.
Gambolò, forse un movente passionale per l'omicidio di un marocchino
Driss Sabiri, 30 anni, marocchino residente a Vigevano, è spirato all'ospedale di Vigevano poco dopo le 17. I carabinieri stanno sentendo quattro persone, forse in nottata i provvedimenti di fermo.
Regolamento di conti: un uomo ucciso a Gambolò
Arriva un'auto in una casa di via Roma 74 a Gambolò. Ne scendono due marocchini poco dopo le 14. Uno dei due ha una pistola, ma non fa in tempo a usarla e il compagno di trent'anni viene steso da un colpo d'arma da fuoco. Ricoverato in gravissime condizioni è morto intorno alle 17,30 all'ospedale di Vigevano.
Una giornata di sport e divertimento a Ottobiano
Motori, apertivo e ospiti speciali presso l'impianto lomellino
Vigevano, chiede l'elemosina agli incroci. "Ho il figlio malato". Ma non è vero
Un rumeno di 33 anni controllato dalla polizia locale. Rischia la denuncia per il reato di truffa.
4
H: 5°
L: 0°
Vigevano
Lunedì, 20 Febbraio
Previsioni a 7 giorni
Mar Mer Gio Ven Sab Dom
           
12° 15° 19° 18° 17°
Nelle Sale
ARALDO
Cronaca
L'operazione dei Carabinieri di Vigevano
Calcio
Secondo pareggio consecutivo dei biancocelesti che tuttavia restano in corsa playoff
Calcio
I risultati di oggi
Volley
A tre giornate dalla fine c'è anche il conforto della matematica