contatti    pagina facebook   pagina twitter -->
HOME Cronaca Attualità Tempo Libero Sport L'Informatore Shoes Chi siamo
Attualità
Marchiati da bollino rosso nel supermercati europei dal prosciutto di Parma a Parmigiano Reggiano fino all’extravergine
Ue: l'etichetta semaforo boccia l'85% del Made in Italy Doc
pubblicato il 8 maggio 2018 alle ore 09:24

“L’etichetta nutrizionale a semaforo sugli alimenti che si sta diffondendo in Europa boccia ingiustamente quasi l’85% in valore del Made in Italy a denominazione di origine (Dop) che la stessa Unione Europea dovrebbe invece tutelare e valorizzare”. E’ quanto ha affermato Roberto Moncalvo il presidente della Coldiretti che ha esposto i prodotti simbolo del Made in Italy “marchiati” all'estero nei supermercati dal bollino rosso, dal prosciutto di Parma al Parmigiano Reggiano fino all’extravergine di oliva, nello stand C 124 di FILIERA ITALIA al Padiglione 7 del CIBUS.
“L’Unione Europea deve intervenire per impedire un sistema di etichettatura, fuorviante discriminatorio ed incompleto che finisce per escludere paradossalmente dalla dieta alimenti sani e naturali che da secoli sono presenti sulle tavole per favorire prodotti artificiali di cui in alcuni casi non è nota neanche la ricetta”, ha affermato il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo nel denunciare “le distorsioni provocate dal sistema di informazione visiva che fino a ora è stato adottato con formule diverse in Gran Bretagna e Francia”. Per l’Italia ad essere bocciati dal semaforo rosso inglese ci sono tra gli altri – ha sottolineato Moncalvo – le prime tre specialità Dop Made in Italy piu’ vendute in Italia e all’estero come il Grana Padano, il Parmigiano Reggiano ed il prosciutto di Parma, ma si arriva addirittura a colpire anche l’extravergine di oliva, considerato il simbolo della dieta mediterranea.
Si invita di fatto a non consumare alimenti con secoli di storia mentre al contrario - precisa la Coldiretti - viene dato il via libera, con il semaforo verde, a bevande artificiali edulcorate delle quali non è nota neppure la ricetta completa. “Con l’inganno delle etichette a semaforo – ha continuato Moncalvo – si rischia di sostenere, attraverso un approccio semplicistico, modelli alimentari sbagliati che mettono in pericolo, non solo la salute dei cittadini italiani ed europei ma anche un sistema produttivo di qualità che si è affermato pure grazie ai riconoscimenti dell’Unione Europea. In gioco per l’Italia – ha precisato – c’è la leadership italiana in Europa nelle produzioni di qualità con 293 riconoscimenti di prodotti a denominazione (Dop/Igp). Rischia pero’ di essere messo all’indice solo nelle produzioni a denominazione di origine (Dop) – ha aggiunto Moncalvo – un sistema di eccellenza del Made in Italy che genera un volume di affari al consumo di 14,8 miliardi di euro, con 70 mila operatori, ma il conto è in realtà ben piu’ salato e riguarda interi settori chiave che vanno dai salumi ai formaggi fino all’olio di oliva”.
Il bisogno di informazioni del consumatore sui contenuti nutrizionali deve essere soddisfatto nella maniera più completa e dettagliata, ma anche con chiarezza, a partire dalla necessità di adoperare segnali univoci e inequivocabili per certificare le informazioni più rilevanti per i cittadini mentre sistemi come il “traffic light” inglese e il “nutriscore” francese non informano ma cercano di condizionare in modo fuorviante se non ingannevole la scelta del consumatore. “Non è un caso – ha concluso Moncalvo – che con l’entrata in vigore in Gran Bretagna nel 2017 sono calate in quantità del 12% rispetto all’anno precedente le esportazioni italiane di olio di oliva considerato unanimemente un elisir di lunga vita”.
L’etichetta a semaforo inglese - conclude la Coldiretti - indica con i bollini rosso, giallo o verde il contenuto di nutrienti critici per la salute come grassi, sali e zuccheri, ma non basandosi sulle quantità effettivamente consumate, bensì solo sulla generica presenza di un certo tipo di sostanze, porta a conclusioni fuorvianti come il ‘Nutri-score’ francese che classifica gli alimenti con cinque colori secondo il loro contenuto di ingredienti considerati “cattivi”’ (grassi, zuccheri) ma anche buoni” (fibre, frutta, verdura).

Mario Pacali
Commenti
Altre notizie di Attualità
Mongol Rally, a destinazione l'equipaggio guidato da Alberto Cazzani
E' arrivato a destinazione dopo aver percorso oltre 8 mila chilometri tra Europa centro-orientale e Russia l'equipaggio Orion Dreamers, guidato dal…
Nuovi siti Unesco in Lombardia. L'assessore Galli: "Penso a Vigevano e alla sua piazza Ducale"
Uno stanziamento di 190 mila euro è stato messo a disposizione dalla Regione per sostenere i progetti "Verso il distretto Uneco della Lombardia" e "…
C'è anche Vigevano tra i Comuni che hanno sottoscritto i protocolli d'intesa per i controlli di vicinato
C'è anche il Comune di Vigevano nell'elenco delle 13 amministrazioni comunali della provincia che hanno sottoscritto i protocolli d'intesa per i…
Vigevano, nasce Sposa Formosa il primo atelier di abiti da sposa dalla taglia 50 in su
Nasce a Vigevano "Sposa Formosa", il primo atelier dedicato agli abiti da sposa dalla taglia 50 a salire. L'idea è stata dell'imprenditrice…
Vendemmia, la mappa della Lombardia
Dalla Franciacorta all’Oltrepò Pavese, dalla Valtellina al Mantovano è boom di grappoli per la vendemmia 2018 in Lombardia dove sono previsti…
I Longobardi della Belcreda protagonisti questa sera di Superquark
Sono complessivamente 27 le tombe ritrovate alla Belcreda. La scoperta è avvenuta a febbraio, durante i lavori per la costruzione del metanodotto.…