contatti    pagina facebook   pagina twitter -->
HOME Cronaca Attualità Tempo Libero Sport L'Informatore Shoes Chi siamo
Attualità
Oliver Mordenti, professore dell’Università di Bologna e ultrarunner amatoriale, ha deciso di unire un’esigenza professionale con la sua grande passione per il podismo, con l’obiettivo di  raccogliere fondi per salvare questa specie ittica che sta drammaticamente scomparendo nei nostri fiumi
"Correte con me per salvare l'anguilla”
pubblicato il 15 maggio 2018 alle ore 14:53

Seicentocinquanta chilometri di corsa dalla sorgente di Pian del Re fino a Pila del Po sul  mare Adriatico allo scopo di raccogliere fondi per la ricerca della salvaguardia dall’estinzione dell’anguilla. A lanciare la sfida è Oliver Mordenti,  ricercatore presso il Corso di Laurea in Acquacoltura dell’Università di Bologna, e ultrarunner amatoriale già protagonista di varie competizioni nei principali deserti Africani ed ultratrail nazionali ed Europei. Dal 24 maggio il professore e  ricercatore cesenate  percorrerà l’intera asta del Po.  E nel pomeriggio di domenica 27 maggio  farà tappa a Pavia, nel Parco del Ticino, che ha patrocinato l’evento assieme all’Università di Bologna. Parco del Ticino e UniBo già  collaborano da anni ad un altro importante progetto,  il ‘Con.flu.Po’ per la riproduzione dello storione cobice.
“Abbiamo sposato il progetto del dottor Mordenti perché va nell’ottica della conservazione delle specie ittiche – spiega il presidente del Parco, Gian Pietro Beltrami – . La collaborazione con l’Università di Bologna  è cominciata anni fa e ha dato ottimi risultati. Abbiamo deciso di sostenere  questo progetto per  la conservazione di questa specie ma anche per una questione affettiva, legata ai ricordi di tanti anni fa, quando l’anguilla popolava il nostro Ticino”.  
 L’anguilla è una specie ittica che sta drammaticamente scomparendo nei nostri fiumi e mari tanto da essere entrata nella lista mondiale delle specie in pericolo di estinzione (red list). Fino a 30 anni fa, l’anguilla popolava anche il Fiume Azzurro.
E’ un progetto originale, quello pensato  dal dottor  Oliviero Mordenti che assieme al suo gruppo di ricerca, unico in Italia in materia, si stanno occupando della riproduzione e dello svezzamento larvale della anguilla, specie a rischio di estinzione.  Il gruppo  è uno dei pochi al mondo ad aver messo a punto un protocollo in grado di riprodurre in cattività questo pesce. Per questo l’obiettivo principale del gruppo di ricerca è quello di capire l’alimentazione larvale in questa fase delicatissima della vita, cosa che ancora nessun ricercatore al mondo è riuscito ad ottenere. Trovare la soluzione vorrebbe dire cambiare il futuro di questo straordinario pesce

Mario Pacali
Commenti
Altre notizie di Attualità
Cantiere piazza Sant'Ambrogio, negozianti sul piede di guerra
VIGEVANO - Commercianti sul piede di guerra per il cantiere di piazza Sant'Ambrogio. Ma non per le classiche lungaggini che riguardano i lavori…
Al via il master universitario in Race Engineering
Gli studenti avranno inoltre la possibilità di lavorare direttamente sulla vettura da corsa e di prendere dimestichezza con il teamwork; il Master,…
Vigevano, domani esami e visite gratuite in piazza Ducale
Si intitola “Il cuore in piazza” l’evento in programma in piazza Ducale domani dalle 9 alle 16 e promosso dalla Asst con la cardiologia dell’…
Pavia, il prefetto dispone la ricostituzione dell'Osservatorio sull'incidentalità stradale
L'Osservatorio sull'incidentalità stradale sarà ricostituito. Lo ha deciso oggi il prefetto di Pavia, Attilio Visconti, a conferma dell'attenzione…
Lavoro: al via voucher nei campi con istruzioni Inps
«Si tratta – rileva la Coldiretti – di un primo segnale di sburocratizzazione che va nel verso auspicato, nonostante alcuni ritardi nell’…
Vigevano e la carta della moda per promuovere il turismo
Visita in Castello, oggi pomeriggio (mercoledì), per l’assessore regionale al Turismo Lara Magoni, accompagnata dal sindaco Andrea Sala e dall’…