contatti    pagina facebook   pagina twitter -->
HOME Cronaca Attualità Tempo Libero Sport L'Informatore Shoes Chi siamo
Attualità
#Pavia: Lele Picà dona una riproduzione del quadro battuto per 1.800 euro e un nuovo disegno
#Maugeri: l’artista ritorna per premiare il paziente che voleva acquistare la sua opera all’asta benefica
pubblicato il 4 luglio 2018 alle ore 11:48


L’artista aveva visto quel signore, in sedia a rotelle, che aveva tentato, per ben due volte, di acquistare il suo quadro, realizzato a partire dalla foto di Marcella Milani dello storico stabilimento Necchi a Pavia e intitolato “Ricordando un sogno”. Poi però, ad aggiudicarsi l’opera, durante l’Asta benefica del 27 giugno pro-Spazio Giochi-Incontri della Maugeri, era stato un altro partecipante, alla ragguardevole cifra di 1.800 euro.
Lele Picà, al secolo Manuele Spelta, pittore e illustratore di Voghera, classe 1979, ne aveva parlato, a fine della mostra, con gli organizzatori della Maugeri. Era così nata l’idea di rintracciare quel paziente e donargli una copia dell’opera.
Ieri c’è stato l’incontro fra l’artista e Massimo Motta, degente periodico dell’Unità spinale dell’IRCCS Maugeri dal 2010, dove fa neuroriabilitazione per i postumi di un grave infortunio. L’artista gli ha donato una riproduzione del quadro e ha aggiunto un suo disegno, sempre di ambientazione pavese, visto che Pavia è la città in cui vivono entrambi.
Di rintracciare il paziente – non facile in una struttura che ha circa 1.200 ricoverati e che, ogni giorno, è frequentata da altrettanti pazienti degli ambulatori e dei laboratori di analis– si è incaricato Angelo Manera, già storico portiere dell’Istituto di Via Boezio, uno dei primissimi collaboratori del fondatore, Salvatore Maugeri. Con una foto della cerimonia che in cui appariva anche Motta, “il Manera” come lo conoscono tutti alla Maugeri, ha trovato il paziente, proponendogli l’incontro con l’artista.
“Mi ha fatto molto piacere questa attenzione”, ha detto Motta, “quell’opera mi piaceva particolarmente. Non ho mai lavorato alla Necchi, ho fatto sempre l’operaio in un’azienda di macchine agricole, ma ho avuto tanti amici che lì han lavorato e che me raccontavano la vita di quella grande industria”.
“Sono lieto di questa opportunità di conoscere una persona che aveva dimostrato di apprezzare il mio lavoro”, ha commentato Picà, “e gli sono grato perché, proprio grazie ai suoi primi rilanci, l’opera è cresciuta di prezzo, potendo alla fine raggiungere i 1.800 euro e quindi contribuire, ancor di più, a questa buona causa”

Mario Pacali
Commenti
Altre notizie di Attualità
Valente, quando la scienza si fa arte: cellule e virus diventano forme dell'immaginario
Le forme che osservava al microscopio, oggi le plasma in sculture e istallazioni. Vittorio Valente, classe 1954, dopo aver lavorato per anni al…
Vigevano, da domenica via all'attività dell'aviosuperficie di strada dello Scoglio
Un punto di riferimento per tutta la città e non soltanto per gli appassionati di volo. Riparte domenica, dopo quasi quattro anni di stop, l'…
Caldo, estate addio dopo un settembre di fuoco
Arriva l’autunno dopo un ultimo scorcio d’estate che in Lombardia è stato "di fuoco". È quanto emerge dalle elaborazioni della Coldiretti regionale…
#Vigevano: da ottobre scatta il #Censimento permanente della popolazione e delle abitazioni
Da ottobre 2018 parte il Censimento permanente della popolazione e delle abitazioni. Per la prima volta l’Istat rileva, con un cadenza annuale e…
2018: il quarto anno più caldo del pianeta
L’ultima bolla di calore di settembre segna un 2018 che si classifica fino ad ora al quarto posto tra gli anni più bollenti del pianeta facendo…
#Maugeri, lo sciopero: «insostenibili gli aumenti previsti dal contratto pubblico»
“Siamo dispiaciuti che alcune organizzazioni sindacali abbiamo, alla fine, voluto percorrere la strada dello sciopero e comprendiamo anche la…