contatti    pagina facebook   pagina twitter -->
HOME Cronaca Attualità Tempo Libero Sport L'Informatore Shoes Chi siamo
Attualità
Questa mattina una delegazione nell'area di stoccaggio rifiuti interessata da due gravi incendi
La commissione regionale ha visitato il deposito della ditta Bertè di Mortara
Ad accoglierli anche una trentina di ambientalisti, che poi non hanno potuto assistere all'incontro in municipio: sono stati messi alla porta perché la riunione era riservata
pubblicato il 10 luglio 2018 alle ore 17:22
Gli ambientalisti davanti al deposito della ditta Bertè

Dieci compoonenti della commissione Ambiente e Protezione civile della Regione, con in testa il presidente Riccardo Pase, hanno compiuto un sopralluogo questa mattina nel deposito della ditta Eredi Bertè di Mortara, distrutto da un incendio scoppiato il 6 settembre scorso durato una decina di giorni e poi interessato da un nuovo rogo, più contenuto, il 22 giugno.
La visita è durata 40 minuti. Tra gli altri erano presenti Roberto Mura (Lega) e Giuseppe Villani (Pd), eletti in provincia di Pavia. I consiglieri regionali sono stati accompagnati dal sindaco Marco Facchinotti, dal vice Gerry Tarantola e dall’assessore alla sicurezza Gigi Granelli. C'erano anche rappresentanti dell’Arpa e dell’Ats. All’esterno, ad attendere la delegazione, una trentina di ambientalisti del comitato “Futuro sostenibile in Lomellina” e di Legambiente e anche esponenti di Rifondazione, con il consigliere comunale Giuseppe Abbà e il segretario provinciale Piero Rusconi.
Al termine il presidente della commissione Pase ha affermato che quanto avvenuto a Mortara può essere d’aiuto per affrontare, soprattutto in chiave di prevenzione e controllo, altre situazioni di criticità dello stesso tipo esistenti in Lombardia. La visita fa seguito all’audizione in Commissione avvenuta mercoledì scorso sul caso di Mortara. Nei giorni scorso, a conclusione dell’inchiesta nella quale il titolare della ditta Vincenzo Bertè è indagato per aver creato un deposito incontrollato di rifiuti e per incendio colposo, la Procura ha disposto il dissequestro dell’area, anche se in concreto sui cancelli ci sono ancora i sigilli. «Siamo contenti di questa decisione - ha detto il sindaco Facchinotti - perché finalmente si potrà iniziare a rimuovere il materiale e iniziare la bonifica, un lavoro che sarà sicuramente lungo e difficile». Ad occuparsene dovrà essere la ditta Bertè sulla base di un ordine della magistratura.
Dopo la visita al deposito la commissione regionale si è trasferita in municipio per un incontro con l’amministrazione comunale. Avrebbero voluto assistere anche una decina di rappresentanti delle associazioni ambientaliste, ma sono stati fatti uscire: la riunione si è svolta a porte chiuse.

Claudio Bressani
Foto
Video
Commenti
Altre notizie di Attualità
Vigevano e la carta della moda per promuovere il turismo
Visita in Castello, oggi pomeriggio (mercoledì), per l’assessore regionale al Turismo Lara Magoni, accompagnata dal sindaco Andrea Sala e dall’…
Sulla tavola degli italiani tornano i cibi del "giorno dopo”
Dal ritorno in cucina degli avanzi ad una maggiore attenzione alla data di scadenza, ma anche la richiesta della family bag al ristorante e la…
Mille ore per la formazione di tecnici calzaturieri
Prende il via la seconda edizione del corso di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore per il settore calzaturiero: il percorso abbina lezioni in…
Vigevano, il Palio delle Contrade a San Crispino e Crispiniano
E' andata alla contrada di San Crispino e Crispiniano l'edizione 2018 del Palio delle Contrade di Vigevano, la trenottesima della sua storia, che…
Autovelox soppressi, oggi un vertice in Prefettura
Continuare a garantire la sicurezza delle strade anche dopo la soppressione degli autovelox. E’ stato questo il tema dell’incontro che si è svolto…
Riabilitazione visiva: oltre duemila pazienti in 18 anni alla #Maugeri
Duemilaventisette pazienti dall’avvio delle attività, nel 2000, di cui 157 nel solo anno 2017, quando sono state ben 1.308 le prestazioni erogate (…