contatti    pagina facebook   pagina twitter -->
HOME Cronaca Attualità Tempo Libero Sport Tech News Chi siamo
Tempo Libero
Realizzato dal pittore vigevanese Paolo Vecchio, domenica la sfida per la conquista
Il cencio conteso al Palio delle contrade
pubblicato il 5 ottobre 2017 alle ore 19:36

Prenderà il via domani (venerdì) la 37ª edizione del Palio delle Contrade di Vigevano, nato nel lontano 1981 da un’idea di Don Stefano Cerri per riportare i festeggiamenti in onore del Beato Matteo Carreri, protettore della nostra città, nel cuore del centro storico. Come ogni anno, la città di Vigevano si veste a festa e le dodici Contrade, abbinate alle dodici parrocchie cittadine, si sfidano per la conquista del cencio.
Il cencio 2017, svelato lunedì pomeriggio nel corso di una conferenza stampa tenutasi nella Sala degli Affreschi del Castello, è stato realizzato - in acrilico e pastello - dal pittore vigevanese Paolo Vecchio e vede ritratto un Beato Matteo assorto, alle cui spalle svetta la torre del Bramante. Domani la manifestazione si aprirà alle 20.45 con la processione del popolo delle dodici contrade da piazza Ducale alla Chiesa di San Pietro Martire. Si riprenderà sabato alle 16 con la Piazza Ducale ad accogliere il popolo in festa per l’imminente arrivo del Duca Francesco Sforza e della sua Corte, con uno spettacolo dei Gruppi Storici del Palio di Vigevano: Tamburi e Bandiere dei Musici e Alfieri dell’Onda Sforzesca, Danzatori del Gruppo Il Biancofiore, Giocolieri del gruppi Aurora Noctis. Al termine delle esibizioni, l’apertura delle porte del Castello al pubblico per la visita alle Corporazioni delle dodici Contrade. Durante la festa sarà anche possibile gustare, presso il Borgo Rinascimentale nella Prima Scuderia del Castello, succulenti pietanze, come la pasta con ragù bianco, la porchetta, i pesciolini fritti, le frittelle di mele, e molto altro. La cena nel borgo sarà caratterizzata da atmosfere antiche, schiamazzi dei venditori ed invadenti artisti girovaghi, tutti in fermento per l’attesa “Notte Sforzesca” delle 21.30: una notte di magia all’interno del Castello con musici, bandiere, danze, giocolieri e affascinanti giochi di fuoco.
Domenica a partire dalle 10 le porte del Castello Sforzesco si riapriranno per permettere la visita alla ricostruzione del borgo. Alle 10.30 i nobili delle contrade si incontreranno al Castello per recarsi, con vessilli e gonfalone del casato Sforzesco, alla Chiesa di San Pietro Martire per attendere l’arrivo della Corte Ducale. Insieme al Duca Francesco Sforza, alla sua consorte Bianca Maria Visconti Sforza, ed ai figli Galeazzo Maria, Ippolita e Ludovico Maria, detto il Moro, si assisterà al solenne Pontificale in onore del Beato Matteo, presieduto dal vescovo di Vigevano, S.E. Maurizio Gervasoni. Nelle ore di pranzo, sarà nuovamente possibile cibarsi presso il Borgo Rinascimentale. Alle 15, nel cortile del castello, il Parroco della Parrocchia dei Santi Giovanni e Pio, abbinata alla Contrada di Valle, vincitrice del Palio 2016, impartirà la solenne benedizione alle Contrade e ai dodici stendardi. Verranno dunque letti i bandi di sfida e dichiarati aperti i giochi. Alle 15.30 i cinquecento figuranti danno il via al Corteo Storico, annunciato dal suono dei tamburini. Dal Cortile del Castello, scendono per le vie del centro storico per giungere nuovamente in Castello. Durante il corteo si svolgerà il primo gioco della giornata: il Melo cotogno. Nella prima manche si sfideranno le contrade Griona, Contado, Bronzone e Predalata; nella seconda Mercanti, San Martino, Castello e Valle; nella terza Strata, Santi Crispino e Crispiniano, Cicerino e Costa. Al termine del corteo, si disputeranno i restanti quattro giochi, veri ed unici protagonisti di questo pomeriggio, che vedranno le dodici contrade affrontarsi per conquistare il Cencio. La grande festa si concluderà con la proclamazione della Contrada vincitrice - a cui il Duca Francesco Sforza consegnerà il Cencio in palio - e delle migliori Contrade per  Sfilata, Tifoseria e Corporazione.
Tra le novità di quest'anno, in collaborazione con Coop Lombardia ed Ipercoop è stato indetto il Concorso per Audiovisivi “Le immagini del Palio delle Contrade di Vigevano tra storia e tradizione”. Il concorso intende valorizzare opere che raccontano ed approfondiscono il tema del Palio delle Contrade, realizzate attraverso le tecniche più disparate: filmato con macchina da presa, slide di fotografie con sottofondo audio, riprese effettuate con smartphone o tablet. Le opere devono essere consegnate entro il 15 ottobre. La premiazione avverrà all’ IperCoop il 29 ottobre. Saranno premiati i primi tre classificati con buoni spesa da € 250,00, € 150,00 ed € 100,00.
E’ stata inoltre attivata una collaborazione con VisitVigevano: chi acquisterà il biglietto di entrata ai giochi del Palio 2017 potrà partecipare ad una visita guidata al Castello al prezzo scontato di € 8,00. Questo prezzo sarà valido il giorno stesso del Palio ed anche (mostrando il biglietto acquistato) durante tutto il mese di ottobre.

L'informatore
Commenti
Altre notizie di Tempo Libero
"Canto di Natale", una storia senza tempo
Musiche originali e dal vivo, nessuna epoca definita né alcun luogo preciso. Una storia senza tempo, che vive in un’altra dimensione, riadattata in…
“Ominiteismo e Demopraxia”: ecco il manifesto di Pistoletto
Non capita spesso di poter conoscere qualcuno che si è studiato sui libri di storia dell’arte delle superiori. Accadrà mercoledì, quando…
“Pazzi per il presepe”
Fino al 14 gennaio sarà possibile ammirare la mostra di presepi curata dal gruppo “Pazzi per il presepe” della parrocchia di Battù. Oggi pomeriggio…
Il senso più intimo del Natale
Che senso ha il Natale oggi? È la provocatoria domanda da cui ha preso il via il concerto-recital che ieri sera (venerdì), nel Duomo di Vigevano,…
Ale e Franz dialogano con la luna
In scena una luna enorme, sotto la quale uomini sussurrano e implorano, e un albero nudo con un’unica foglia tenacemente appesa. E, poi, loro, Ale…
Con "Entità differenti" ritorna ad esporre l'artista Carlo Cane
Torna ad esporre domani, dopo alcuni anni dedicati alla ricerca, l'artista Carlo Cane, nativo di Valenza. Il luogo scelto è palazzo Sanseverino a…