contatti    pagina facebook   pagina twitter -->
HOME Cronaca Attualità Tempo Libero Sport L'Informatore Shoes Chi siamo
Altri sport
Nel Challenger pugliese tre tie-break decidono l'incertissima sfida a favore del bielorusso Ignatik
Tennis, Baldi manca d'un soffio la finale ad Andria
pubblicato il 25 novembre 2017 alle ore 20:35
Filippo Baldi

Emozionante sfida di semifinale nel Challanger di Andria. Filippo Baldi è andato a un soffio dalla vittoria contro il bielorusso Uladzimir Ignatik, 171 al mondo, che il prossimo anno sarà suo compagno di squadra a Selva Alta. A testimoniare l'incertezza dell'incontro basta dire che tutti e tre i set si sono risolti al tie-break e che fino agli ultimi due game del terzo entrambi i giocatori avevano sempre conservato il servizio. Sul filo del rasoio anche i tie-break. Nel primo Filippo subisce all'inizio un mini-break, ma riesce a recuperare e a imporsi per 9 a 7; nel secondo impatta sul 5 pari dopo essere stato sotto 5 a 3, ma poi deve arrendersi per 7 a 5. Nella terza e decisiva partita entrambi i giocatori tengono come sempre il servizio, poi sul 5 pari per la prima volta il vigevanese cede la battuta, sembra finita, ma Ignatik rende il "favore". Si va così al terzo tie-break dell'incontro; Filippo spreca la grande occasione quando, avanti 5 a 3, sbaglia una palla facile e il match gira definitivamente a favore del giocatore bielorusso. Resta un po' di amaro in bocca perchè nel finale il vigevanese ha commesso un paio di doppi falli sanguinosi e ha sbagliato qualche palla di troppo, soprattutto sotto rete, quando l'avversario sembrava accusare un certo calo fisico. Peccato, sarebbe bastato un pizzico di lucidità in più. Oltretutto la finale con il belga Heyman (351 Atp), che a sorpresa ha superato il bosniaco Basic (149 Atp e testa di serie numero 3 del torneo), sembrava decisamente alla portata considerando lo stato di forma del tennista ducale. Un Baldi che ha saputo emozionare anche il pubblico pugliese, che l'ha sostenuto a gran voce nonostante proprio ieri aveva eliminato il beniamino di casa Pellegrino. Resta ugualmente un grande torneo e la conferma di un giocatore ritrovato e in notevole crescita che concluderà la stagione con il suo best ranking, attestandosi attorno ai 370 al mondo (nel giro di un paio di mesi ha dimezzato la sua classifica) e con la prospettiva di migliorare ancora.

Angelo Sciarrino
Commenti
Altre notizie di Altri sport
Tennis: Selva Alta parte bene, Messina battuta 4-2
Vittoria doveva essere e vittoria è stata, anche se non si è rivelata una passeggiata, anzi. Selva Alta ha debuttato quest'oggi nel proprio girone…
Hockey prato, la Bonomi passa a Pisa (3-4)
Prima vittoria esterna della Paolo Bonomi che passa sul campo di Pisa per 3-4 al termine di una gara sofferta. Sono gli ospiti a sbloccare il…
Hockey prato, la Bonomi reagisce con un 6-0
L'attesa reazione da grande squadra chiesta dal tecnico Stefano Angius dopo la brutta caduta di sabato scorso sul campo dell'Adige c'è stata da…
Tennistavolo, due pareggi all'esordio in A1 per la Cipolla Rossa di Breme
Per il secondo anno consecutivo il campionato di tennistavolo di serie A1 è iniziato con il concentramento di Terni. Nelle prime due giornate sono…
Hockey prato, brutto tonfo per la Bonomi
Il tecnico Stefano Angius ha parlato di una classica giornata storta, che nell'arco di una stagione ci può stare. Certo la sconfitta per 3-1…
Hockey prato, la Bonomi travolge il Cus Padova (6-2)
Parte con il piede giusto la Paolo Bonomi che nella prima giornata del campionato di hockey prato di serie A1 ha travolto (6-2) a Castello d'Agogna…