contatti    pagina facebook   pagina twitter -->
HOME Cronaca Attualità Tempo Libero Sport L'Informatore Shoes Chi siamo
Attualità
L’Italia è il principale produttore europeo e secondo mondiale di grano duro. Le parole del presidente Roberto Moncalvo.
Etichetta, Coldiretti: scelta corretta Tar sulla pasta per l'81% degli italiani
pubblicato il 28 novembre 2017 alle ore 15:43

La scelta del Tar di respingere l'istanza di sospensione del decreto per l’etichettatura d’origine del grano utilizzato nella pasta accoglie le richieste dell’81% degli italiani che chiedono maggiore trasparenza su quel che portano in tavola. È quanto ha affermato la Coldiretti nel commentare la decisione del Tribunale amministrativo regionale del Lazio che ha bocciato il ricorso dei pastai contro il Decreto dei Ministri delle Politiche agricole Maurizio Martina e dello Sviluppo Economico Carlo Calenda per l’introduzione in Italia dell’obbligo di indicazione della materia prima a partire dal febbraio 2018 sull’etichettatura della pasta.
 
«Prendiamo atto con soddisfazione che la Magistratura - sottolinea il presidente della Coldiretti, Roberto Moncalvo - ha riconosciuto il primato degli interessi dell’informazione dei cittadini su quelli economici e commerciali, respingendo un ricorso che andava contro gli interessi dell’Italia e degli Italiani che chiedono trasparenza. Non si può impedire ai consumatori – aggiunge Moncalvo - di conoscere la verità privandoli di informazioni importanti come quella di sapere se nella pasta che si sta acquistando è presente o meno grano canadese trattato in preraccolta con il glifosate, accusato di essere cancerogeno e per questo proibito sul grano italiano».
 
Ma il decreto per l’etichettatura d’origine della pasta punta anche a contrastare le speculazioni che hanno provocato il crollo dei prezzi del grano italiano al di sotto dei costi di produzione con una drastica riduzione delle semine e il rischio di abbandono per un territorio di 2 milioni di ettari coltivati situati spesso in aree marginali. L’Italia - conclude la Coldiretti - è il principale produttore europeo e secondo mondiale di grano duro, destinato alla pasta con 4,3 milioni di tonnellate su una superficie coltivata pari a circa 1,3 milioni di ettari che si concentra nell’Italia meridionale, soprattutto in Puglia e Sicilia che da sole rappresentano circa il 40% della produzione nazionale.

L'Informatore
Commenti
Altre notizie di Attualità
Torre Beretti, si dimette il vice sindaco
Fabio Lambri, già sindaco per due mandati e vice per altrettanti, si è dimesso dalla carica e anche da consigliere comunale. Lo ha comunicato nel…
Una donna alla guida del Clir: Federica Bolognese è il nuovo presidente
Le previsioni della vigilia sono state confermate: la nuova presidente del Clir è Federica Bolognese, la prima donna eletta alla guida della società…
In vacanza con gli animali un italiano su tre
Quest’estate parte in vacanza con il proprio animale quasi un italiano su tre (29%) che lo possiede grazie ad una accresciuta cultura dell’…
La commissione regionale ha visitato il deposito della ditta Bertè di Mortara
Dieci compoonenti della commissione Ambiente e Protezione civile della Regione, con in testa il presidente Riccardo Pase, hanno compiuto un…
Clir, fumata bianca: c’è il nuovo Cda
Dopo oltre due ore di assemblea a porte chiuse, i sindaci dei Comuni soci del Clir questo pomeriggio (venerdì) hanno nominato i tre componenti del…
Parona rimane senza medico
L'unico medico di Parona andrà via il primo agosto. Lo ha comunicato con una nota Ats Pavia (nella foto): Vladimir Brakus, di origini serbe, in…