contatti    pagina facebook   pagina twitter -->
HOME Cronaca Attualità Tempo Libero Sport L'Informatore Shoes Chi siamo
Tempo Libero
Il prestigiatore parla del suo invito al “Magic Castle”
Paviato, la sua “micromagia” conquista anche Hollywood
pubblicato il 14 febbraio 2018 alle ore 16:09

La “micromagia” di Aurelio Paviato ritorna a Hollywood, in quel “Magic castle” considerato come il teatro alla Scala dei prestigiatori. Un’arte, quella della “close-up magic”, portata alla ribalta proprio dall’illusionista vigevanese negli anni Novanta, grazie alle sue fortunate partecipazioni a Canale 5 per “Buona Domenica” e il “Maurizio Costanzo Show”.
«Sarò lì dal 7 al 13 maggio – confida Aurelio Paviato – in un posto che rappresenta il “gotha” dei prestigiatori mondiali, punto di incontro anche di numerose star dello spettacolo. Tempo fa, dopo aver vinto il primo premio di micromagia
(la “close-up magic”) al congresso mondiale di Losanna, fui già invitato al Magic Castle per presentare il numero che mi valse quel premio. Poi sono arrivati gli inviti in televisione». Ma adesso, con una diversa maturità artistica ed una maggiore consapevolezza, Paviato presenterà nuovamente in California un numero di scena, tratto dal suo spettacolo “Storie di un artigiano di illusioni”.
«Mi esibirò – prosegue – una ventina di volte in una settimana, con tre spettacoli a sera da venti minuti. Ritmi pesanti,
ma... è Hollywood. È certo che essendo show così brevi non posso dilungarmi nelle storie e negli aneddoti su cui indugio nello spettacolo. E sono contento che in America la mia arte sia chiamata “close-up magic”, “magia in primo piano”. La traduzione italiana di “micromagia” sembra sminuire e parlare di qualcosa di poco importante. Ma è quasi più difficile far sparire una moneta che la statua della Libertà». Così si esibisce Aurelio Paviato: con corde, carte
da gioco, monete, bicchieri. Oggetti di tutti i giorni che spariscono e si trasformano a pochi metri da uno spettatore che non riesce a capire cosa sia accaduto e si chiede «ma come avrà fatto?».
«Oggi le persone – continua il prestigiatore – sono abituate agli effetti speciali del cinema e vedono la nostra figura come “anacronistica”. Ma le tecniche cinematografiche diventano vecchie in pochi anni, i computer in pochi mesi. I giochi di prestigio esistono da due millenni e sono l’unico modo per presentare qualcosa di “surreale” anche nella realtà, qui e ora, senza nient’altro». Una storia, quella del vigevanese classe 1958, iniziata per passione e decollata dopo aver lasciato un tranquillo, sicuro e “morbido” lavoro in banca.

Davide Maniaci
Commenti
Altre notizie di Tempo Libero
Faccia a faccia con la scienza
La Notte Europea dei ricercatori, conosciuta anche con l’acronimo Sharper, sarà venerdì 28 settembre in 116 città italiane, ma a Vigevano la…
Tutto in una notte... (che non c’era)
E, forse, sarà anche in grado di prendere tutti per la gola con lo street food e le bevante servite nel cortile del Castello. Non sono solo le…
Dalla ginnastica contadina al dog tranier arriva l’open day delle fattorie lombarde
Dalla ginnastica contadina alle lezioni di dog trainer, dal teatro in riva al fiume alla lanternata serale nel bosco, senza dimenticare le visite…
Barivel sarà la star al Festival dei Gatti di Vaprio d'Adda
Riflettori accesi su Barivel, il micio vigevanese che ha conquistato recentemente il titolo di gatto più lungo del mondo (119,89 centimetri). Dopo…
Tanti auguri Big Mac!
McDonald’s festeggia i 50 anni del Big Mac, organizzando un compleanno speciale, all’insegna della solidarietà: la notte del 20 settembre il panino…
“Libri in risaia”: Mortara lancia la sua rassegna letteraria
“Libri in risaia”, che nasce quest’anno con la prima edizione, è la rassegna letteraria mortarese realizzata dalla libreria “Le mille e una pagina”…