contatti    pagina facebook   pagina twitter -->
HOME Cronaca Attualità Tempo Libero Sport L'Informatore Shoes Chi siamo
Altri sport
I liguri passano a Vigevano (1-5) e accedono ai play-off che assegneranno il titolo tricolore
Tennis, Selva Alta si arrende al Park Genova
pubblicato il 12 novembre 2018 alle ore 09:19
Baldi e Marcora impegnati nel doppio

Non riesce l'impresa a Selva Alta che si arrende 1-5 al Park Genova, presentatosi in gran forze in Lomellina per riscattare l'imprevisto pareggio della gara d'andata e conquistare così un posto nei play-off che assegneranno lo scudetto 2018. Selva Alta si consola con la salvezza, che poi era l'obiettivo primario della stagione, raggiunto matematicamente con due turni d'anticipo. Prima della gara di oggi le due squadre avevano gli stessi punti in classifica, con i liguri però avvantaggiati dal maggior numero di incontri vinti. Al Park Genova poteva quindi bastare un pareggio, mentre i vigevanesi erano costretti a vincere. Per far ciò l'unica possibilità era quella di aggiudicarsi i primi due singolari, sulla carta i più equilibrati, e poi vedere come si sarebbero messe le cose. Invece, sia Baldi che Marcora non ce l'hanno fatta, rispettivamente contro Arnaboldi e Mager. Filippo, dopo aver perso il primo set 46, si portava sul 52 nel secondo, ma poi perdeva cinque game di fila sprecando alcune palle che l'avrebbero portato al terzo. Peccato. Al terzo set riusciva invece ad andare Marcora, che si aggiudicava il tie-break del secondo dopo aver perso anche lui il primo 46; ma alla fine si doveva arrendere a Mager per 36. A questo punto scendevano in campo i due numeri uno e Ignatik, a sorpresa, riusciva a imporsi con un netto 61 62 al tedesco Goiowczyk, numero 59 al mondo. Bravissimo il bielorusso, anche se l'avversario, a dire il vero, non ha mai dato la sensazione di essere entrato in partita. Per Selva è il punto della bandiera che porta anche un piccolo rimpianto, perchè se fossero andati diversamente i primi due incontri, chissà... A giochi ormai fatti Bordone si arrendeva a Musetti (26 46) e anche i due doppi del pomeriggio andavano al Park Genova con Musetti/Arnaboldi che con un doppio 63 avevano ragione di Ignatik/Bordone, mentre Basso/Mager regolavano 76 63 Baldi/Marcora. Adesso ancora l'ultima trasferta, inutile per la classifica, in quel di Prato, poi finirà questo secondo campionato di A1 per Selva Alta che per quanto fatto si merita solo applausi. Ancora poco tempo e poi sarà già ora di iniziare a programmare la prossima stagione.

Angelo Sciarrino
Commenti
Altre notizie di Altri sport
Tennistavolo, la Cipolla Rossa di Breme spreca con il Norbello
Anche contro il Norbello non si rompe il sortilegio del Lomellino Cipolla Rossa di Breme, costretto dai sardi all'ennesimo pareggio, il quarto…
Tennis, Baldi sconfitto da Humbert nella finale di Andria
Non ce l'ha fatta Filippo Baldi a conquistare il suo secondo Challenger della carriera. Quest'oggi nella finale di Andria il vigevanese è stato…
Tennis, Filippo Baldi in finale ad Andria
Filippo Baldi protagonista al Challenger di Andria, dove domani sfiderà in finale il francese Ugo Humbert, che sulla carta parte favorito ma che il…
Tennis, per Selva Alta una sconfitta indolore
Si è concluso il campionato di serie A1 di Selva Alta. I ducali, ormai certi del secondo posto nel girone e quindi con la salvezza già in tasca,…
Hockey prato, la Bonomi dimezza il ritardo dalla vetta
Tutto facile per la Paolo Bonomi che nell'ultima gara su prato del 2018 travolge a Castello d'Agogna il neopromosso Valchisone (9-2) dimezzando il…
Tennistavolo, Cipolla Rossa di Breme a testa alta
Dopo il “giallo” della racchetta di sabato scorso che ha impedito al Lomellino di incamerare i tre punti contro il Marcozzi Cagliari, prestazione…