contatti    pagina facebook   pagina twitter -->
HOME Cronaca Attualità Tempo Libero Sport L'Informatore Shoes Chi siamo
Attualità
«Sono convinta – dice l’88enne – che sia anche accaduto ad altri. Bisogna segnalare, parlare, serve un elenco dei “cattivi affittuari” così come esiste quello dei debitori insolventi»
Affitto e bollette a scrocco alle spalle della nonnina
pubblicato il 16 novembre 2018 alle ore 19:45

VIGEVANO – Non paga l’affitto dell’appartamento dove vive con la compagna dall’aprile del 2017, non ha mai versato una caparra né effettuato le volture per luce e gas. E così la nonnina di 88 anni che, senza poter sospettare nulla, gli aveva affittato una casa di proprietà ci ha rimesso una cifra che oscilla tra gli 8 e i 10 mila euro, l’ammontare annuale della sua pensione. Non si è ancora risolto l’incubo per l’anziana, trasferitasi a Vigevano 10 anni fa e che ha investito i risparmi di una vita in tre case, una per sé e due da affittare. «È stata l’agenzia immobiliare – racconta l’88enne – a presentarmi questo signore, raccomandandomelo come persona conosciuta e rispettata. Poi però la partita Iva che aveva portato come garanzia era scaduta nel 2008. Perché non hanno controllato? Bastava un minuto, l’hanno scoperto i miei familiari. Dal marzo del 2017 in poi ha smesso di pagare». La prima udienza per lo sfratto è di questo gennaio, ma il giudice (come prassi vuole) ha concesso 90 giorni per sanare la sua posizione. L’uomo ha portato un assegno di 2000 euro, poi ancora silenzio. L’anziana, che vive con una pensione di 800 euro al mese, è costretta a pagargli anche le bollette. Oltre al fatto che luce, gas e acqua siano “beni primari”, tutte le utenze (quella della casa dove vive e quella che affitta) sono intestate a lei: gliele taglierebbero entrambe in caso di insolvenza. «È sempre andato avanti – continua la signora – al ritmo di “pagherò domani”, con modi affabili. Poi ha smesso di farsi vedere e sentire. L’ultima mazzata è stata quella delle spese condominiali, 1300 euro in un anno, che ho dovuto pagare io. Significa stare due mesi senza pensione, sono andata avanti coi soldi che avevo da parte. Fossi ricca! Ma devo fare sacrifici per le spese di un uomo che mi sta truffando. Avevo chiesto di venirmi incontro sulle tasse alla presentazione del 730, dato che sto perdendo un sacco di denaro. Ma ovviamente ho dovuto pagare anche quelle, così come spendo per un avvocato». Storie di ordinaria disonestà, di chi non ha vergogna ad approfittarsi delle tante scappatoie che offrono le leggi italiane. «Sono convinta – conclude l’88enne – che sia anche accaduto ad altri. Bisogna segnalare, parlare, serve un elenco dei “cattivi affittuari” così come esiste quello dei debitori insolventi».

Davide Maniaci
Commenti
Altre notizie di Attualità
AsMortara è il nuovo socio del Clir
Dopo rinvii e bocciature, lunedì pomeriggio AsMortara è stata iscritta a libro soci del Clir. Il 72% dei soci, infatti, ha votato a favore. Non…
Veicoli diesel Euro 4 fermi anche a Vigevano
Così come in molte città del Nord Italia, anche a Vigevano stanno per scattare le limitazioni alla circolazione veicolare di primo livello a causa…
Con la #Maugeri per formare gli specialisti della cronicità
Un master per imparare la Medicina riabilitativa per il personale medico e sanitario di tutta Italia, ma anche per i giovani laureati che vogliano…
La CFO di Huawei è stata arrestata
Meng Wanzhou, direttrice finanziaria di Huawei Technologies, è stata arrestata dal Canada il 1° dicembre per volere degli Stati Uniti. Meng è anche…
Vigili del fuoco al Polo Logistico: domani si firma la convenzione
È in programma per domani mattina (venerdì) in Prefettura a Pavia la firma della convenzione che permetterà al distaccamento dei Vigili del fuoco…
Carceri: tra sovraffollamento e carenza di personale
La Commissione speciale “Situazione carceraria in Lombardia”, presieduta da Gian Antonio Girelli (PD) ha incontrato i Direttori delle Case…