contatti    pagina facebook   pagina twitter -->
HOME Cronaca Attualità Tempo Libero Sport L'Informatore Shoes Chi siamo
Tempo Libero
Sabato e domenica nella Cavallerizza del Castello di Vigevano l'ottava edizione di "Essere donna oggi" organizzaza dal Coordinamento Volontariato
Le donne si raccontano
Puntuale ogni anno, in occasione della festa della donna, “Essere donna oggi” torna ad animare la Cavallerizza del Castello di Vigevano. L’appuntamento con la manifestazione organizzata dal Coordinamento Volontariato Vigevano in collaborazione con l’assessorato alle Pari Opportunità, e giunta alla sua ottava edizione, è per sabato 10 e domenica 11 marzo. Tanti incontri ad ingresso libero, condotti da Chiara Grungo e Mariarosa Aurelio, animeranno la due giorni a partire dalle 15,30 di sabato.
pubblicato il 9 marzo 2018 alle ore 11:14

Tra i temi trattati quest’anno, “Le donne e le istituzioni” con le rappresentanti di Comune, Polizia di Stato, Guardia di Finanza, Carabinieri, Magistratura, Carcere, Polizia Locale, Sindacato che parleranno del loro ruolo. Accanto a loro una esponente del Rotaract. Si passerà poi a “Donne e maternità”, argomento che sarà affrontato dalla pediatra Lidia Decembrino, dalla ginecologa Simona Ricci, ma anche da mamme - naturali, adottive e affidatarie - che parleranno delle loro esperienze insieme alla psicologa Linda Giovannini che parlerà delle “mamme acrobate” di oggi, chiamate ad essere particolarmente “performanti”. Ogni intervento sarà intervallato da canzoni e coreografie preparate da Orietta Boari, Simona Grazioli, Marcella Previde Massara, Paola Zatti, e dalle lezioni di difesa personale condotte dal maestro Andrea Cataudo. E poi un susseguirsi di donne a raccontarsi e a parlare dei loro hobbies e passioni, dalla pittura alla danza, dallo sport alla musica, dal calcio al lavoro, dalla cucina al teatro, dal volontariato all’impegno a favore della collettività, fino alle esperienze sostenute con l’esercito in Kosovo e in Afghanistan con Emergency. Infine sarà il turno di “Le donne e le corse”, non solo sportive, anche quelle ad ostacoli che si disputano nella vita quotidiana per arrivare a tutto in tempo: portare i figli a scuola, andare al lavoro, fare la spesa, riprendere i figli, cucinare, riordinare. Accanto a loro alcune maratonete che hanno gareggiato e vinto a New York, Barcellona, Siviglia.
Non mancherà una mostra di pittura, con le opere di Sonia Ruggero Brini ed Enrica Morgantini, e una mostra fotografica con gli scatti di Consuelo Sala, Barbara Monzani, Simona Villa e Concetta Canatta. A tutte le donne, come di consueto, saranno offerti massaggi, trucco e parrucco da Enaip e Fondazione Roncalli Area Formazione, più vari omaggi. Sabato alle 20 è previsto anche un apericena (per partecipare, occorre però prenotarsi al 3474230147). Domenica la Cavallerizza riaprirà dalle 10,30 alle 12,30 e riprenderà alle 15 fino alle 19.

Annalisa Vella
Commenti
Altre notizie di Tempo Libero
I dinosauri invadono Milano
Un indimenticabile viaggio a ritroso nel tempo, 250 milioni di anni fa nell’Era Mesozoica passando per il periodo Triassico, Giurassico e Cretaceo…
Ghislieri: il coro sta tornando
Il Coro Universitario del Collegio Ghislieri sta tornando!   Dalla prossima settimana ricominciano le attività del Coro Universitario del Collegio…
Centodieci anni fa il primo numero del Corriere dei Piccoli
Il mitico numero uno del Corriere dei Piccoli, la prima testata a fumetti dell’editoria italiana, viene pubblicato il 27 dicembre 1908, centodieci…
"Il viaggio a Reims" inaugura la stagione d'opera del Fraschini
L’allestimento che andrà in scena al Fraschini è frutto della coproduzione dei cinque teatri di tradizione di OperaLombardia, oltre a Pavia, il…
Due giorni western con indiani e cowboy
Un appuntamento da non perdere per gli amanti del genere western e della musica country. Oggi pomeriggio (sabato), dalle 14, prenderanno il via…
"Te lo dico pianissimo": con Stefano Chiodaroli dall’aperitivo alla proiezione
«La mia vita d’attore è stata una scampagnata, se togliamo soltanto i primi 30 anni di stenti». Parola di Stefano Chiodaroli, che cita un vecchio…